We use cookies. By browsing our site you agree to our use of cookies. / Navigando su questo sito accetti il nostro uso dei cookies.

Accept this cookie / Accetta i cookies Find out more / Approfondisci

Welcome to ATCOMIX!
HOME FORUM CHAT TUO ACCOUNT INVIA NOTIZIA

     Annunci Google

     Menu
· Home
· Archivio Articoli
· Argomenti
· Cartoline Virtuali
· Cerca
· CHAT
· Chat IRC Italia
· Documenti
· Downloads
· Forum
· Fumetti
· Galleria
· Giornale
· Invia Notizia
· Lista Utenti
· Messaggi Privati
· Newsletter
· Recensioni
· Risorse e Links
· Scrivici
· Segnala ATCOMIX
· Sondaggi
· Top 10
· Tuo Account
· Upload
· Web Links

     Consigli

     Cerca



     Link Amici

Cartoomics2008
Amazing Comics
NUOVO!
Il famoso software
per creare facilmente
il tuo sito Web
"EasyWebEditor"
versione Perogatt!
Perogatt

     INCA

INCA

     Downloads
· 1: COMIC V2
· 2: BALLOON LETTERING
· 3: BABE
· 4: Peroicone
· 5: Fix for TOP10 eGallery
· 6: COMIC FX
· 7: MASKED MARVEL
· 8: YIKES
· 9: FUNNY PAGES
· 10: GNAT

     Link Amici

PEROGATT


     World's Strips
Today's Andy Capp strip Today's Annie strip Today's Bobo strip
Today's Frank and Ernest strip Today's Li'l Abner strip Today's Pc and Pixel strip
Today's Snoopy strip    

 BilBOlbul. Festival internazionale di fumetto seconda edizione

AutoriAnonimo Scrive "Dal 5 al 9 marzo 2008 Bologna torna ad essere la capitale dei comics con la IIª edizione di BilBOlbul. Festival Internazionale di fumetto a cura di Hamelin Associazione Culturale.

Dopo il gran successo della prima edizione, BilBOlbul presenta in questo secondo anno di attività una programmazione ancora più ampia e ricca, ospitando più di 15 mostre e oltre 40 artisti nazionali e internazionali. Il festival punta il suo interesse sulla figura dell’autore con un omaggio all’opera di Gianni De Luca; la contaminazione fra i linguaggi e il dialogo tra fumetto e le altre arti, in particolare con una sezione dedicata a Fumetto e Jazz che ha per protagonista l’artista Louis Joos maestro del genere.
Il festival conferma la sua vocazione all’internazionalità dedicando un focus al fumetto cinese, con le storie di Hok Tak Yeung e Chinoi Lee, e al fumetto americano dei geniali Paul Hornshemeier, Kevin Hizenga e Anders Nilsen. Prestigiosi anche gli artisti italiani, tra questi Stefano Ricci e Gabriella Giandelli, autrice anche dell’immagine di questa edizione del Festival che rende omaggio al fumetto Bilbolbul, personaggio creato da Attilio Mussino, nel centenario della...

sua creazione. Bilbolbul rinsalda il legame fra cinema e fumetto con una nutrita rassegna in cineteca; Tra i film in programma si segnala il capolavoro Paura del nero, realizzato da alcuni tra i maggiori fumettisti internazionali, e Free Jimmy il primo lungometraggio del norvegese Christopher Nielsen. Dedicata ai bambini la colorata e divertente mostra Cocco Bill il pistolero creato da Jacovitti e disegnato da Luca Salvagno.
Tra le novità di questa edizione si segnala il forte legame con la produzione e la creatività, attraverso l’istituzione e la promozione di un concorso nazionale per giovani artisti.
L'intera programmazione è consultabile sul sito www.bilbolbul.net
OMAGGIO A GIANNI DE LUCA
L’evento speciale dell’edizione 2008 è la mostra De Luca. Il disegno pensiero dedicata a GIANNI DE LUCA (1927-1991), -inaugurazione giovedì 6 marzo alle ore 19.00 - in mostra dal 7 marzo al 4 maggio al Museo Civico Archeologico. Si tratta della prima grande antologica, consacrata a uno dei più importanti maestri italiani, instancabile ricercatore, sperimentatore e innovatore del linguaggio del fumetto, nonché creatore dell’indimenticabile personaggio de Il Commissario Spada, e interprete di grandi classici come la trilogia Shakespeariana (Amleto, La tempesta e Romeo e Giulietta), Il Giornalino di Gian Burrasca, La freccia nera, le biografie a fumetti di Totò e Marilyn Monroe, e Paulus. In mostra circa 250 opere tra le più significative della sua carriera più che quarantennale.

La mostra che segue un percorso cronologico, permette allo spettatore di seguire gli sviluppi dello stile di De Luca ripercorrendo i nuclei fondamentali della sua poetica: la rivoluzione del linguaggio, il rapporto con la letteratura e il teatro, l’atmosfera degli anni Settanta tra realtà e poliziesco italiano.
L’opera di De Luca, che ha influenzato molti disegnatori di tutto il mondo tra cui gli statunitensi Dave McKean, Bill Sienkiewicz e Frank Miller, ha avuto grandissima popolarità dagli anni ‘40 agli anni ’90, grazie alla pubblicazione su riviste per ragazzi molto diffuse come Il Vittorioso e Il Giornalino mantenendo una forte autorialità narrativa ed espressiva. L’artista, arrivato al fumetto passando per la pittura, l’incisione e l’illustrazione ci ha lasciato una serie di opere diverse tra loro che impressionano non solo per l’approccio innovativo e eleganza della grafia ma anche per l’inimitabile interpretazione del suo disegno. L’opera più conosciuta, oramai vero e proprio culto tra i lettori di tutte le età, è la fortunata serie de Il Commissario Spada: un avvincente poliziesco ambientato nell’Italia degli anni Settanta che per i temi trattati - criminalità organizzata, terrorismo - e per la narrazione, si pone come importante documento sociologico degli anni di Piombo, anticipando di un ventennio il Graphic Journalism, la tendenza contemporanea ad un giornalismo a fumetti. Ma De Luca nella sua lunga carriera ha realizzato numerose altre indimenticabili opere attraversando generi diversi (avventura, western, biografico). La resa del movimento, la ricerca che trascende i limiti della griglia grafica, la capacità di far assumere alle tavole un potere comunicativo nuovo, ricco e articolato sono i campi dell’impegno di De Luca che attraverso il disegno e la sua attenzione per la fisiognomica ha saputo ritrarre le infinite varianti dell’umanità attraverso uno scavo psicologico e una precisione unica ed esemplare.
Arrichisce il progetto dedicato a De Luca il convegno di studi (6 marzo - Accademia di Belle Arti di Bologna), che vuole essere un’occasione per approfondire l’opera di uno dei più grandi fumettisti della nostra epoca e vedrà la partecipazione di esperti, studiosi e critici, nonché di artisti e scrittori chiamati a riportare una loro testimonianza sull’autore. Fra i partecipanti Antonio Faeti, Luca Raffaelli, Gianluigi Gonano, Luigi Bernardi, Gianni Brunoro, Gino Scatasta, Giulio Cesare Cuccolini, Daniele Barbieri, Tommaso Mastrandrea e altri importanti contributi. Alla mostra è correlata la pubblicazione del libro/catalogo edito da Black Velvet che attraverso saggi e testimonianze si porrà come strumento di approfondimento sull’opera di De Luca.
L’opera di De Luca è ancora sotto i riflettori nell’incontro Gli anni del Commissario Spada, con interventi di Goffredo Fofi, Luca Raffaelli e Luca Rastello, per questa occasione sarà presentata la nuova pubblicazione edita da Oscar Mondadori de Il Commissario Spada.Gli anni di piombo, dedicato alle indimenticabili avventure del Commissario (9 marzo-Libreria Irnerio, ore 16.45).

IL FESTIVAL IN CITTÁ
Bologna torna ad essere teatro del Festival ospitando le numerose mostre e gli incontri con autori nazionali e internazionali in contesti nuovi e inusuali per il fumetto come musei, gallerie d’arte, caffè, librerie, biblioteche…

FUMETTO E JAZZ
Fumetto e Jazz, entrambe creature metropolitane, hanno diversi punti di contatto. Da sempre grandi artisti del fumetto hanno guardato al mondo musicale afro-americano narrando per immagini, storie di musicisti, atmosfere notturne, ritmi del racconto. Accanto ai classici di Robert Crumb, Guido Crepax o Munoz e Sampayo, diversi sono gli autori, soprattutto in Francia e Belgio, che hanno dedicato la loro attenzione al jazz: tra questi il belga Louis Joos è tra gli indiscussi caposcuola del genere, ospite del Festival con una mostra e per l’incontro di apertura del Festival dal titolo Fumetto e musica. Vedere il jazz, assieme a Joos il fotografo Roberto Cifarelli per un suggestivo confronto tra immagini e musica (5 marzo-cinema Lumière, ore 21.00).
Louis Joos è uno dei padri del fumetto belga odierno. La passione per il jazz è la fonte d’ispirazioni più importante del suo lavoro: nel corso degli anni Joos è autore di opere dedicate a Thelonius Monk, Mingus e tanti altri musicisti. La sua opera, inedita in Italia, viene presentata nella mostra Jazz Concert, al Museo della Musica, dal 7 marzo al 6 aprile, seguendo un percorso che va dalle sale di esposizione temporanea alle sale permanenti. Qui le immagini di Joos dialogheranno con la collezione del museo, gli strumenti antichi, gli spartiti, costituendo un’ulteriore occasione per riflettere sul confronto tra le arti visive e la musica. La mostra è prodotta in collaborazione con Communauté française de Belgique e il Museo della Musica.
Louis Joos è ancora protagonista dell’incontro Fumetto e musica. Raccontare il jazz; dialoga con lui l’artista italiano Igort, legato a Joos dalla medesima passione musicale per il jazz che lo ha portato alla realizzazione di opere dedicate a importanti jazzisti come Fats Waller e Chet Baker (8 marzo-Museo della Musica, ore 12.30)

MOSTRE INTERNAZIONALI: AMERICA E CINA
Bologna si apre al fumetto internazionale con due originali mostre dedicate a innovativi artisti statunitensi e cinesi, diventando così il ponte simbolico tra America e Asia.
Tre gli autori americani ospiti: Anders Nilsen, Kevin Huizenga e Paul Hornschemeier riconosciuti con premi internazionali come l’Ignatz Award. La mostra Il grande vuoto presenta l’opera di questi artisti evidenziando un filo rosso che li accomuna: la dimensione filosofica e di astrazione che emerge dai loro racconti e il fascino per il paesaggio, in mostra a Palazzo D’Accursio–Sala Ercole dal 7 al 25 marzo. I tre autori statunitensi partecipano a Incontri internazionali. Il grande vuoto, confronto tra giovani autori che si sono imposti come presenze di rilievo nel panorama americano (8 marzo- Accademia di Belle Arti, ore 11.00). Paul Hornschemeier, tra i maggiori talenti americani dell’ultima generazione, è ancora il protagonista dell’incontro I tre paradossi, insieme a Daniele Brolli, in occasione della pubblicazione di Comma 22 per il Festival (7 marzo-Libreria Feltrinelli/Ravegnana, ore 18.00).

Dalla Cina arrivano invece Hok Tak Yeung e Chihoi Lee, giovani protagonisti del fumetto contemporaneo cinese entrambi provenienti da Hong Kong e fondatori del collettivo-rivista Springroll, vero e proprio fenomeno di culto nella capitale. L’opera di Chihoi Lee riesce a mescolare in modo sorprendente la lezione europea con la scuola del manga giapponese attraverso storie surreali e poetiche, mentre il disegno di Hok Tak Yeung è caratterizzato da una straordinaria sperimentazione che mescola immaginari pop, dalla grafica ai video games. Le opere sono presentate in una mostra dal titolo Sinfonia a Palazzo D’Accursio-Sala Ottagonale dal 7 al 25 marzo. La mostra è in collaborazione con il Festival Internazionale di Bastia e il festival inglese Comica London. Gli artisti cinesi i cui stili attingono sia alla loro tradizione culturale che all’uso del digitale partecipano all’incontro Scenari contemporanei e si confrontano con l’arte del talento belga Olivier Schrauwen che riprende il fumetto delle origini proiettandolo nella contemporaneità (8 marzo-Cappella Farnese, ore 15.00).

AVVENTURA A FUMETTI
Grande spazio in questa edizione del Festival all’affascinante tema dell’avventura, grazie alla prima mostra in Italia, delle opere di Christophe Blain, sapiente interprete della dimensione narrativa dell’avventura, che unisce tradizione letteraria e innovazione linguistica. L’autore, ispirato anche dall’esperienza personale nella marina militare e dalle sue letture d’infanzia, inserisce nelle sue storie di pirati (una delle sue ultime opere è la serie Isaac il pirata pubblicate da Kappa Edizioni) come nel genere western, una visione personale ricca di suggestioni filosofiche stemperate da una sottile ironia. Blain, tra i maggiori esponenti del nuovo fumetto francese, vanta collaborazioni con alcuni maestri d’oltralpe come David B., Joann Sfar, Lewis Trondheim. La mostra dal titolo Alla deriva è ospitata al Museo di Palazzo Poggi, dal 7 marzo al 3 aprile, è in collaborazione con la Maison Française e il Festival Internazionale di Lucerna. Il cantore dell’avventura partecipa all’incontro Fumetto e avventura. Isaac il pirata, Socrate e gli altri, con interventi di Massimiliano De Giovanni e Laura Scarpa (8 marzo-Libreria Feltrinelli/Ravegnana, ore 16.00). Sempre al tema dell’avventura si lega l’incontro Sulle tracce di Pratt la presentazione de nuovo episodio della famosa serie, Gli Scorpioni del Deserto pubblicato dalla casa editrice Lizard, Giuseppe Camuncoli e Matteo Casali ridanno vita alle avventure africane del tenente Koinsky, militare polacco arruolato nell’esercito inglese creato da Hugo Pratt negli anni ’60, protagonista di sei romanzi a fumetti sullo sfondo della seconda guerra mondiale in Africa Orientale (7 marzo- Librerie Coop -Officine Minganti ore 17.30). Completa il progetto dedicato all’avventura l’incontro Il re del Sertão: in volo con Mister No, omaggio al personaggio di Mister No creato da Sergio Bonelli e poi ripreso da Roberto Disio, protagonista dell’incontro assieme a Michele Masiero (9 marzo- Libreria Feltrinelli/Ravegnana, ore 11.00).

MOSTRE AUTORI ITALIANI
BilBOlbul dedica due importanti mostre ad artisti italiani di fama internazionale: Gabriella Giandelli e Stefano Ricci.
La residenza per artisti Nosadella.Due ospita dal 7 marzo al 3 aprile la mostra Le stanze degli altri di Gabriella Giandelli, tra le autrici di fumetto più colte e raffinate d’Europa. Ha pubblicato i suoi lavori dal ‘84 su numerose riviste nazionali e internazionali. Realizza come autrice e sceneggiatrice tre romanzi: Silent Blanket, Hanno aspettato un po’ poi se ne sono andate e Sous les feuille. Parallelamente al fumetto, l’artista lavora come illustratrice collaborando con i più importanti quotidiani, riviste e case editrici. Da qualche anno si occupa di illustrazioni per l’infanzia: suo è il personaggio di Milo, un piccolo coniglio protagonista di molti libri illustrati e di recente anche di una serie animata. Attualmente lavora al graphic novel Interiorae edito da Coconino Press , un affresco narrativo che ricorda il monumentale romanzo La vita istruzioni per l’uso di George Perec, dove s’intrecciano le vite degli abitanti di un grande condominio di una metropoli senza nome. Da questa ispirazione nasce l’idea della mostra sul tema degli interni declinati dall’artista come spazi fisici dell’abitare ma anche luoghi di introspezione e teatri di storie. Per questo la location della mostra è un vero e proprio appartamento che, nonostante l'utilizzo ai fini espositivi, mantiene intatte tutte le funzionalità di un'abitazione. Gabriella Giandelli partecipa anche all’incontro Attraverso le immagini: geografia di un immaginario, interessate confronto tra l’opera dell’artista e il cinema (9 marzo-Cineteca Sala Cervi, ore 11.00).
Alla Galleria Stefano Forni, dal 7 marzo al 10 aprile, è allestita Il ritorno dell’orso la prima personale che Bologna dedica al suo concittadino Stefano Ricci, da anni residente ad Amburgo, artista di fama internazionale, sicuramente tra i disegnatori che hanno spinto più il limite dei confini del fumetto contemporaneo. La sua opera divisa tra fumetto, illustrazione, grafica, scenografie (e immagini) per il teatro, la danza e il cinema, ha sempre il disegno come riferimento primario. Dal 1985 collabora con vari quotidiani, riviste ed editori nazionali e internazionali. Tra le sue numerose opere si ricordano i lunghi racconti a fumetti: Tufo (1993), e Anita (1996), a cui si aggiunge la produzione dei volumi (di) Deposito nero, quattro monografie che raccolgono centinaia di disegni di periodi espressivi diversi.

MOSTRE AUTORI EMERGENTI
Riflettori puntati anche sulla sperimentazione dei giovani artisti sia italiani che europei, numerose infatti le mostre dedicate ai talenti emergenti.
Nella mostra My Boy, dal 7 al 25 marzo a Palazzo D’Accursio-Manica Lunga, sono esposte le particolari opere del belga Olivier Schrauwen, considerato un vero e proprio giovane talento all’interno della scena internazionale. La straordinaria capacità dell’autore è quella di filtrare lo stile di maestri del fumetto delle origini come Winsor McCay e Lyonel Feininger per dar vita a storie in cui l’atmosfera surreale non manca di sottese riflessioni sulla contemporaneità. Oltre a presentare gli originali dell’opera My Boy, la mostra vuole offrire una panoramica del lavoro di Schrauwen, esplorandone le diverse forme espressive anche attraverso la presenza di installazioni e animazioni prodotte dall’artista. Questo progetto nasce in collaborazione con il Collegio dei Fiamminghi di Bologna Jean Jacobs e il Flemish Fund di Anversa.
Per la prima volta in Italia anche Marijpol, fumettista di Amburgo rappresentante della nuova generazione di autori tedeschi. L’esposizione Pipistrello oracolo (dal 7 marzo al 2 aprile al Ram Hotel) è un’occasione per presentare un’autrice il cui lavoro, che si ispira in modo originale ai suoi maestri Anke Feuchtenberger e Francesca Ghermandi, predilige una dimensione fantastica e surreale, dove personaggi e ambienti sembrano rimandare ad un mondo disneyano, in cui aleggia però una atmosfera da incubo senza fine. La mostra è curata da RAM hotel in collaborazione con e Goethe Institut di Bologna.
Di forte impatto visivo la mostra che Luca Genovese dedica alla figura di Luigi Tenco (dal 5 al 30 marzo alla Libreria Feltrinelli/Ravegnana). La vita del cantautore italiano e la sua misteriosa scomparsa sono al centro della nuova graphic novel, sceneggiata da Luca Vanzella edita da BeccoGiallo Editore, di cui saranno esposte in anteprima al festival le tavole originali, in collaborazione con la libreria Feltrinelli. Genovese vive e lavora a Bologna, tra i più promettenti autori del panorama italiano e vincitore di importanti premi. Nel 2003 fonda con Vanzella l’etichetta indipendente Self Comics, una delle realtà del fumetto indipendente più attive in Italia. Luca Genovese e Luca Vanzella incontrano il pubblico per Raccontare Tenco a Fumetti, con interventi di Gino Scatasta e Renato Tortarolo (9 marzo- Libreria Feltrinelli/Ravegnana, ore 14.30).

FUMETTO E CINEMA
Nell’ambito dello stretto connubbio tra fumetto e cinema, il festival, in collaborazione con la Cineteca di Bologna, presenta importanti film e una rassegna di corti di animazione sperimentale. La rassegna è realizzata grazie al lavoro di ricerca di Sergio Fant e la collaborazione di Thomas Martinelli.
In programma il capolavoro dell’animazione Paura del nero di Etienne Robial (Stati Uniti, Italia, Francia, 2007), film ad episodi ideati e realizzati da alcuni tra i maggiori fumettisti europei e americani (Blutch, Burns, Caillou, di Sciullo, Kramsky, Mattotti, McGuire, Pirus, Slocombe). Il film, acclamato alla sua anteprima al Festival del Cinema di Roma, è in prima nazionale a Bologna e vedrà presenti alla proiezione tra gli altri Lorenzo Mattotti (8 marzo -Cinema Lumière, ore 20.00). Accanto alla presentazione del film in esclusiva per il Festival è allestita anche una mostra ispirata ai fotogrammi film, gli autori internazionali che hanno partecipato al progetto espongono, alla galleria Squadro dal 7 marzo al 26 aprile, una serie di serigrafie, ispirate ai fotogrammi del film.
Dalla Norvegia arriva Free Jimmy il primo film del norvegese Christopher Nielsen (2006), che rappresenta una nuova frontiera del cinema di animazione, un lavoro pieno di satira e umorismo nero, con personaggi sviluppati accuratamente e con immagini, design e animazione di una complessità travolgente. Artista e illustratore Nielsen è noto per il personalissimo stile del suo lavoro e per la sua visione critica, satirica e sovversiva della società (9 marzo-Cinema Lumière, ore 15.30).
Accanto al film la mostra Homo Norvegicus, al Cinema Lumière dal 5 al 25 marzo, una panoramica dei suoi lavori che mette in rilievo la carriera quasi trentennale di questo autore ancora inedito nel nostro paese. Il progetto è realizzato in collaborazione con Thomas Martinelli, l’Ambasciata di Norvegia e Cineteca di Bologna.
Non poteva mancare l’omaggio al grande Will Eisner grazie al film-documentario Will Eisner: Portrait of a sequential artist di Andrew D. Cooke (Stati Uniti, 2007). Realizzato in collaborazione con Eisner stesso (fino alla sua scomparsa nel 2005) raccoglie rari filmati di famiglia e materiali d’archivio, oltre a commenti e testimonianze di altri grandi autori come Art Spiegelman, Jack Kirby, Stan Lee, Neil Gaiman, Frank Miller (7 marzo-Cinema Lumière, ore 20.00).
Dopo la grande mostra antologica del 2007 che il Festival ha dedicato alla figura di Magnus, il documentario Magnus: Il segno del viandante di Giovanni Eccher (Italia, 2007) ripercorre la vita e l’opera di Roberto Raviola, attraverso le testimonianze di coloro che con lui hanno lavorato. Dal raffinato tratto di Milady alla carnalità grottesca di Necron, dall'erotismo sensuale di Le 110 pillole alla comicità caricaturale della Compagnia della Forca, dall'avventura esotica e futuristica dei Briganti al noir disincantato dello Sconosciuto (8 marzo-Cinema Lumière, ore 18.00, in replica 9 marzo ore 20.15).
Arrichisce il progetto fumetto e cinema la rassegna Animate il primo omaggio italiano all’omonimo progetto anglosassone. Attivo dal 1991, Animate sviluppa innovativi progetti di animazione ibrida, che puntano sulla commistione delle tecniche e dei linguaggi. Tra gli autori in programma l’originale duo di artisti digitali Semiconductor ovveroRuth Jarmane e Joseph Gerhardt (7 marzo- Cinema Lumière, ore 18.45).

CARTOLINE DA… - GRAPHIC JOURNALISM SULL’INTERNAZIONALE
Con la mostra Cartoline da… il Festival, in collaborazione con il settimanale Internazionale, dedica un importante omaggio al mondo del graphic journalism. In mostra, con una particolare installazione esposta in Piazza del Nettuno (7-26 marzo), una selezione delle cartoline apparse in questi anni su Internazionale opera dei più importanti fumettisti e illustratori del mondo. Alla mostra si affianca l’incontro Disegnare Internazionale con alcuni degli autori che hanno collaborato con la rivista tra questi Gabriella Giandelli e Francesca Ghermandi e Stefano Ricci (9 marzo-Sala Borsa, ore 18.00).

BAMBINI
Grande attenzione come di consueto anche per le iniziative dedicate ai bambini, tra queste la divertente e colorata mostra, alla Sala Borsa Ragazzi (dal 6 al 28 marzo), su Cocco Bill, il pistolero nato dall’estro di Jacovitti, le cui avventure proseguono ancora oggi sulle pagine de Il Giornalino grazie alla matita di Luca Salvagno. Le avventure di Cocco Bill continuano nel laboratorio creativo rivolto ai bambini e condotto per l’occasione da Luca Salvagno (8 marzo, Sala Borsa Ragazzi, ore 16.00).
Ai bambini e ai ragazzi è rivolto anche il concorso intitolato Tutta mia la città. Mi immagino a Bologna nel futuro e invento un'avventura, il concorso si conclude con la mostra delle tavole di tutti i partecipanti presso gli spazi di Sala Borsa Ragazzi (dal 5 al 29 marzo) e la cerimonia di premiazione dei vincitori.
Insolita merenda quella offerta da Gabriella Giandelli a tutti i bambini nell’incontro Merenda per principesse e bambini notturni e sullo sfondo i libri e le tavole della magica Giandelli (7 marzo -Libreria Trame ore 17.00).
L’incontro L’invasione di SuperTrippa è invece riservato solo a bambini coraggiosi per sconfiggere SuperTrippa un mostro pericoloso e puzzolente con l’aiuto dell’autore Jerry Kramsky (8 marzo-Libreria Feltrinelli/Ravegnana, ore 17.30).

PROMOZIONE DEI GIOVANI ARTISTI
L’Accademia di Belle Arti di Bologna ospita, dal 7 marzo all’8 aprile, la mostra ICH / I / IE / IO Accademia di Belle Arti di Bologna (Italia, Germania), progetto formativo che ha messo in rete gli studenti della sezione illustrazione-narrazione per immagini dell’Hamburg Dmi Faculty, la sezione Bande Dessinée dell’Istituto Saint Luc di Bruxelles e il corso di fumetto e illustrazione dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.
Le sale di Aemilia Hotel ospitano, dal 7 marzo al 6 aprile, il progetto espositico 18 fumettisti per il Nosferatu
a cura di Lex Lutor, 18 artisti per realizzare un’opera di 32 pagine mantenendo però intatto il proprio stile per offrire originalità e varietà all’opera.
La Galleria La Pillola dal 7 al 19 marzo ospita la bizzarra esposizione del gruppo Ernest, composto da Francesco Cattani, Vincenzo Filosa e Sara Pavan, che autoproduce albi a fumetti, libri, cd e riviste sui tramezzini e altri stravaganti argomenti. Ultima pubblicazione di Ernest è la raccolta di disegni di Davide Toffolo, il gruppo si confronta con il lavoro di Toffolo nell’incontro Storia di un progetto (6 marzo, ore 22.30 Libreria Modo Infoshop).
Durante le giornate festivaliere sono in mostra (dal 7 al 14 marzo-Sala Borsa Ragazzi) le migliori opere dei giovani artisti che hanno partecipato al concorso 30 MINUTI IN 2000 PIXEL bandito dal portale www.flashfumetto.it in occasione del Festival.

INCONTRI
Numerosi anche gli incontri con importanti artisti italiani, tra questi Zero racconta la città, il nuovo progetto editoriale di Edizioni Zero raccontare le città italiane con i fumetti, intervengono Marco Corona e Davide Toffolo (7 marzo-Libreria Infoshop, ore 17.00); nell’incontro I figli del tramonto si parla dell’opera di Massimo Semerano e Marco Nizzoli (8 marzo-Libreria Irneri, ore 15.30); Giacomo Nanni che percorre con ostinazione le nuove vie del fumetto parla delle sue Cronachette (ed. Coconino Press) con Igort; il fascino delle avventure sentimentali di Matteo ed Enrico sono il tema dell’incontro La verità vi prego, sull’amore: Matteo e Enrico con Andrea Accardi e Massimiliano De Giovanni.

ANTEPRIMA IN CENTRO
A partire da sabato 23 febbraio il festival si presenta nei luoghi della città con Anteprima in centro, otto esposizioni delle immagini degli autori del festival nei centri commerciali che ospitano punti vendita Coop Adriatica e Librerie Coop di Bologna. Inoltre quattro incontri dedicati al fumetto: la selezione degli autori vincitori del concorso Coop for Words 2007, Camuncoli e Casali e il seguito de Gli scorpioni del deserto, il gruppo Ernest, e Alberto Corradi, si svolgeranno durante e dopo il festival (Centro lame-Spazio Eureka, 23 febbraio ore 17.00 | Officine Minganti, venerdì 7 marzo ore 17.00 | Centro Borgo, sabato 15 marzo ore 17.00 | Centri Nova , sabato 29 marzo)


EVENTI COLLATERALI
Tra i numerosi eventi che attraversano il Festival alla Galleria L'ARIETE (dal 4 al 9 marzo) è allestita una particolare mostra dell'artista sudafricano Conrad Botes: l’opera pittorica di Botes è strettamente legata alle tavole di fumetti che l'artista disegna da anni per la rivista BitterKomix, leader in Sud Africa per indipendenza e critica sociale in cui descrive e spietatamente denuncia ipocrisie e falsi valori della società bianca.
I locali del locale Rosso San Martino, dal 7 al 30 marzo, ospitano il progetto Matite per la radio, 23 autori italiani rendono omaggio ad una radio storica di Bologna Radio Città del Capo.
In occasione del Festival Biblioteca Sala Borsa presenta un nuovo archivio online di autori e disegnatori attivi a Bologna consultabile sul sito www.bibliotecasalaborsa.it.

DEDICHE
Dal 7 al 9 marzo nello spazio di Piazza Coperta di Sala Borsa, gli autori ospiti del Festival sono a disposizione del pubblico per dedicare con un disegno inedito i propri libri.

Hamelin Associazione Culturale, da anni attiva sul territorio nazionale, si occupa dello studio e della promozione del fumetto e dell’illustrazione, attraverso l’organizzazione di mostre, attività didattiche, incontri con autori, pubblicazioni e l’omonima rivista.

Per info: Hamelin Associazione culturale tel 051/233401
info@bilbolbul.net
http://www.bilbolbul.net/
Ingresso gratuito per tutte le mostre del Festival

UFFICIO STAMPA
Pepita Promoters
tel. 051.2919805- info@pepitapromoters.com"



 
     Link Correlati
· Inoltre Autori
· News by andtag


Articolo più letto relativo a Autori:
Roberto Mangosi


     Punti Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Cattivo
Normale
Buono
Ottimo
Eccellente



     Opzioni

Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
  
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.





ATCOMIX

Attenzione, prego: in questo sito, tutto è coperto da copyright!
Come d'uso nella rete, potete liberamente linkare le pagine; vi chiediamo soltanto di segnalarci i link e di renderli riconoscibili, per favore. Potete anche usare i materiali utilizzando il diritto di citazione: ricordatevi solo di segnalare chiaramente la provenienza della citazione e di inserire un link verso di noi, grazie!

Attention, please: everything is copyrighted in this web site!
As usual on the web, feel free to link the pages; just let us know and make them recognizable and linked, please.

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2002-2003 by www.atcomix.com
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione di pagine: 2.763 Secondi